Chiamami Porno, che ti amo. Ma tu non sai come mi chiamo.

Che ci faccio qui?
Sono le 23 e 40, amore. Che non passa una macchina. Una. Ed è freddo. E sono vestita come una puttana.
“Quanto sei bella”, mi diresti.

Toccami.

Che ci faccio a quest’ora su di una provinciale?
Sono stufa marcia. E pure incazzata.
Ed è mercoledì e piove. E la gente si calcifica la vita. Piano. Nessuno pensa. Si lavora a quest’ora.
“Ahi. Mi fa male.”
“Cosa?”
“La gola, amore.”

a-bout-de-souffle-jean-luc-godard
Voi restate lì. Io cambio fuso. Put-ta-na.

A quindici anni in parrocchia. Una catechista. Che guarda gli occhi di teppisti a cui non ha niente da insegnare.

A diciassette, cercare di elaborare quella strana roba che si chiama stupro. Il dolore. Dicono. Con traumi per contorno. Per non parlare dei postumi obbligatori da brutta esperienza standard.
Non avete capito un cazzo, ecco. A me a tratti m’è pure piaciuto.

A venti un quasi bambino in pancia. Una proposta di matrimonio. Lui era un medico tedesco. Biondo. Due occhi blu. Lo adoro. Ridevamo continuamente. Poi le nostre strade si sono separate.

Chi sono?
Chi?
Sono?

Lasciami in pace, cazzo.
L’unica cosa che voglio. Non questa gonna di pelle volgare. Non le ore vuote. Nè la tua banale attenzione. Puoi tatuarmi, se ti diverte. Lasciarmi in piedi in sala d’attesa. Avere paura. Agonizzare. Partire. Davvero, puoi. Ma non si ama così.

Scacco matto! T’ho distratto. Ho vinto. Marameo.

Diciamoci la verità, io non sono questa.
Io, quando incollate gli occhi su questo posto, sono seduta sul vostro pavimento. Schiena al muro e occhi nei vostri. Ginocchia al petto.
Adoro i fiumi di porno. Quando sono in treno e guardo il mare dal finestrino, l’acqua salata mi viene in faccia.
Odio i fiumi di porno , solo a volte però. Quando mi chiedo cosa sia volersi bene. Le clausole “prendersi cura dell’altro” ed “esserci”.
E poi?

swimming-pool-2

Mamma, George Clooney non mi piace proprio! Sono degli anni 90. Prova a imboccarmi con Diogo Morgado… Metti una sera a cena col Cristo. Quello sì che sarebbe interessante.

Portatemi con voi.
Andiamo a distruggere la macchina del vicino che ti blocca il parcheggio.
O tu. Tu preferisci sentire un proiettile attraversare quella stupida troia moretta e ventenne col corpo perfetto che ha vinto facile con tuo marito? Andiamo, cara. Metto i guanti e faccio io.
E tu. Che avresti voluto gridare a tuo padre “Resta. Non andare via.”, e invece t’è morto tutto in gola. Per te è gratis. E stringimi pure la mano. Adesso ci meritiamo una canzone romantica.

E rido. Rido forte. Per fortuna quello di cui non posso scrivere è solo quello che non c’è.

Screen-shot-2012-02-22-at-1.50.19-PM

Annunci

7 comments

  1. domenicomortellaro · ottobre 22, 2014

    Puoi… davvero puoi, ma non si ama così! Sono parole di una forza incredibile… che vorrei avere il coraggio di prendere a prestito e rivolgere a chi so io!

    Liked by 2 people

  2. derappher · ottobre 23, 2014

    C’ho fantasticato un bel pò su quella biondina.
    Sono arrivato alla fine solo per lei.

    Mi piace

    • annuskatz · ottobre 26, 2014

      È un frammento di “Swimming pool”. Io per una bionda così non arriverei in nessun posto.

      Mi piace

      • derappher · ottobre 26, 2014

        Si, intendevo alla fine del film.
        La biondina mi faceva sangue, sono convenzionale.

        Mi piace

      • annuskatz · ottobre 26, 2014

        Lo li ta. Non è convenzionalità. È che preferisco avere una mora.

        Mi piace

  3. tuttotace · novembre 1, 2014

    Ti tengo qui, seduta sul mio pavimento. Che mi sembra di aver capito tutto. E che so di non aver capito proprio niente di niente.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...